Post in evidenza

Porn Addicted Rapists 47

WISE, Va. — A Norton, Virginia man has been sentenced to 20 years on child porn, sodomy and sexual assault charges.

AddToAny

venerdì 10 marzo 2017

Indian Porno Holocaust

The sight of a suppressed woman works like an aphrodisiac for some sick-minded men.

If living with the stigma of rape is not arduous enought, the disgusting trend of digitally documenting the horrific crime is making the lives of victims miserable, . Not to mention, fuelling a whole new market of rape porn.
As appalling as it sounds, this disgusting industry is making big bucks on the expense of the dignity and the lives of rape victims. Because as the name suggests, rape porn is shot while the crime is taking place. It's not fiction or make-believe. It's the truth in its ugliest form.
But, who derives pleasure from watching women in agony, you might wonder. Well, lots of men. And that is why rape porn is such a hit among the Indian masses. Priced between Rs 20 to Rs 200, these WhatsApp sex videos are available for purchase all across the country.
In an interview with Times of India, a shopkeeper selling such porn in Agra said, "Porn is passé. These real life crimes are the rage."


This brings us to a very important question. Why do men want to see a woman getting brutalized to attain sexual gratification? The answer lies in the suppression of sexuality as far as the Indian society is concerned, which leads to curiosity.

In an interview to Hindustan Times, Dr Sameer Malhotra, head of mental health and behavioural sciences, Max Healthcare said, "Sexuality is often a non-discussed topic and that leads to curiosity. Many a times, people can actually be suffering from paraphilia, a condition characterised by abnormal sexual desires".
And that's not the only reason why rape porn thrives. It's a rage because some men in India have internalized the right to suppress women and see them as mere sexual objects.
"Indulging in rape pornography has a lot to do with culture. In a largely male-dominated and patriarchal society like India, society suppresses women. So, when they see torture being inflicted on a woman in such videos, their perverted tendencies tend to rise to the surface and they derive sexual pleasure out of it," told Gurgoan-based counsellor Vipula Gupta to indiatimes.com.
With the market of rape porn already milking huge profits, we can't ignore the fact that it poses yet another threat to women safety. One that needs to be curtailed immediately.

Rape pornography is sexually stimulating Indian men. And the reason behind it is not shocking Sarwat Fatima Mar 09, 2017 

Bestiality, snuff porn warping our boys' minds - experts 09/03/2017 Newshub staff


How much porn is too much? Psychometric test identifies at-risk porn users Martha Henriques 

In Uttar Pradesh, you can walk into a store and buy video clips of horrific attacks shot on mobile phones. Now anti-rape campaigners are fighting back.

Geeta, a community health worker from Muzaffarnagar, a district in the Indian state of Uttar Pradesh, was leaving the village where she worked when she was raped by four men. Early last year, the mother of three killed herself after a video of the assault was circulated on WhatsApp.

Just a week later, Muzaffarnagar was back in the news when a video of a young woman's 2013 gang rape went viral. The victim, whose husband later abandoned her, tried to commit suicide several times. Less than six months later, a 17-year-old girl was abducted, gang raped, and blackmailed with a video that was subsequently shared on social media.

These are the known instances in a phenomenon where the majority of the cases go unreported. In all these incidents, the victims of these horrific crimes had been intimidated, blackmailed, and shamed with videos made on mobile phones—footage that was later circulated within their village and the wider community.
"We are working on such cases all the time now," says Rehana Adib, a women's rights activist in Muzaffarnagar who has worked on all three cases. It can even happen, she adds, in cases where a woman is simply conversing with a man on her phone, which is frowned upon in more conservative and rural parts of India. "Everyone has a mobile phone, and if a woman is even talking to a man, he can tape it and use it to blackmail her. It's because these women bear the burden of the entire family's honor. If that is seemingly violated, there's no going back, she cannot be forgiven, and the family's honor can only be restored once they are rid of her."
Adib had reached out to support the woman who had been raped in 2013, but says that her team has not been able to trace her whereabouts for the past few months. "Her phone is off and her family won't tell us anything. We don't know if she's been banished by them or if she's even alive."
In August, the Times of India found hundreds—possibly thousands—of rape videos were being sold across Uttar Pradesh. The clips were sold under the counter for as little as 50 to 100 rupees ($0.75-$1.50), readily available to download on to phones or pen drives at local kiosks and paan-cigarette shops. "Porn is passe," one shopkeeper told the Times. "These real life crimes are the rage." A subsequent Al Jazeera investigation found that local police were oblivious to the underground trade happening under their noses, with one bewildered senior officer asking, "Rape video, what is this?"
In the public outrage that followed, police announced a statewide crackdown on the trade. Uttar Pradesh police spokesperson Rahul Srivastava told Broadly: "We had to pose as decoy customers and seized hundreds of CDs, pen drives, and laptops and even arrested some of the traders who were selling porn and rape videos together."
However, the sellers were soon out on bail, and Srivastava admits that it's possible that they are back to selling videos of sexual assault. "It cannot be certainly said if they got back to selling videos of sexual assault, but they very possibly did," he hedges. "These are social pathologies, hardly prevented by raids."
Frustrated with the ineffectual police response, people have instead turned to social media for justice. Hyderabad-based women's rights activist Sunitha Krishnan started the campaign #ShametheRapist in 2015 after being tipped off about two videos in circulation on Whatsapp and social media. She blurred out the faces and bodies of the victims and posted the footage of their attackers on YouTube. 
The campaign eventually led to several arrests, but Krishnan's methods are controversial. Critics argue that this form of vigilante justice took place without the consent of the victims in the clips. Krishnan—who is herself a gang rape survivor— defended the move in several interviews, telling the Indian Express, "Offenders make videos and take photos to shame victims and use these to threaten them into silence. I used the same strategy against the offenders while concealing the identity of the victim. I am hoping people will be sensitive enough to give information if they can identify the rapists."
"Once a video is made and circulated, there is absolutely no closure for the victims. Nothing in the world that can ensure that the video will be destroyed. Which is why, in most of these cases, the women do not come forward as complainants," Krishnan tells Broadly. She says she has received over a hundred videos since the start of her campaign. In the four years since the gang rape of a Delhi student Jyoti Singh triggered protests across the country and propelled the issue of violence against women to top of the national agenda, the number of reported rapes in the country has gone up. More women have come forward to report the crime in defiance of the stigma that victims face and the conservative notions of honor and shame that pervade Indian society. As Krishnan attests, however, very few women come forward if the crime has been recorded on video.
Soon after she launched her campaign, Krishnan's anti-trafficking NGO Prajwala filed a petition with the Supreme Court, which ordered the country's top law enforcement agency, the Central Bureau of Investigation, to investigate the crimes. It also sought the government's response on blocking these videos. Some of the recommendations made by Krishnan to the court include creating a national sex offenders registry and forming a centralized government agency to investigate these cases. The most important recommendation of all, she says, is to create a mechanism that allows those who receive these videos to make an anonymous complaint. Most people, she argues, are unwilling to report such content openly or are scared of being treated as the perpetrators.
Advocates say that the technology companies that own the search engines and social networks where these videos proliferate also have a part to play in clamping down on the underground trade. "It is not just the responsibility of the government, but also of service providers to identify human rights violations," argues Aparna Bhat, the Delhi-based lawyer who represents Prajwala. The Indian authorities seem to agree: In December, the Supreme Court issued a notice to the local offices of Microsoft, Google, Yahoo!, and Facebook, calling on them to do more to curb the spread of abuse videos. The tech giants have yet to file a reply.
In the meantime, police and legal experts trying to find practical solutions to this phenomenon are battling with content can be shared online in an unlimited number of ways. Any strategy they adopt has to evolve and stay ahead of changing technologies, and that's just the start. "This is the beginning of the process," Bhat says. "We know that things will unravel, but when some of these ideas are implemented, we will know what's working and what's not working."

Non molto tempo fa ci raccontavano dei prosperosi effetti della globalizzazione sulle economie dei paesi emergenti come l'India, la Cina, il Brasile. Poi è arrivata la crisi e quei racconti si sono dissolti nei fumi dello smog mortale che ricopre Nuova Delhi e Pechino. In mezzo a quel fumo, in quella nebbia che uccide, bambini, donne, anziani, ogni giorno vengono brutalmente stuprati e assassinati.



Sono ormai passati più di 4 anni, era il 16 Dicembre 2012, dallo stupro di gruppo su un autobus di Delhi che costò la vita alla 23enne Jyoti Singh, divenuta tragicamente il simbolo di una protesta contro la violenza sessuale in India che da allora non si è più fermata.


Di quello stupro se ne parlò in tutto il mondo, poi il silenzio. I mass-media occidentali raramente sono tornati ad occuparsi di quello che può essere definito un vero e proprio "olocausto": in media 92 stupri ogni giorno, uno ogni 15-20 minuti, e si tratta di quelli denunciati, la maggior parte non vengono riportati.  

Assalti sessuali, stupri di gruppo alle turiste,

Horror India: 5 vicious sex attacks on female tourists 28 NOVEMBRE 2016

Israeli woman gang-raped in Indian tourist town 25 luglio 2016


una giovane turista inglese in vacanza a Goa è stata stuprata e ammazzata.

Rape, murder of Scarlett Keeling 25 settembre 2016

La violenza sessuale contro donne e, sempre più spesso, bambini - secondo un rapporto del 2013 di Human Rights Watch, oltre 7.000 minori sono violentate ogni anno - avviene dovunque: in città - Nuova Delhi si è conquistata l'appellativo di "capitale dello stupro" - e paesi; nei campi e negli uffici; nelle case e sulle strade, nelle zone rurali. 




Il brutale stupro e l'ucccisione di una studentessa trentenne nel Kerala, sud dell'India, a maggio del 2016, ha provocato un'ondata di proteste e indignazione di cui i media occidentali non si sono minimamente interessati.

La donna è stata picchiata selvaggiamente dopo lo stupro, gli intestini sono stati tirati fuori con un'arma tagliente. Almeno 30 ferite sono state trovate sul suo corpo.

Ma è solo la punta di un iceberg di atrocità che continua ad emergere. I casi sono perfino troppi e orripilanti per poter essere raccontati.

6-year-old girl raped, tortured, killed, 50-year-old man arrested 1 marzo 2017

11-month-old baby raped by 27-year-old uncle is battling for life 27 febbraio 2017

4-year-old girl raped by her 34-year-old uncle 26 febbraio 2017

Man caught raping a dead body in Delhi 7 DICEMBRE 2016

La spiegazione che viene più frequentemente avanzata per tentare di risalire alla causa di questo terrificante olocausto è che in India vi è una cultura dello stupro patriarcale e misogina. Il chè è certamente vero, ma è sempre esistita e non può da sola dare conto delle dimensioni apocalittiche che ha assunto il fenomeno negli ultimi anni, fenomeno oltretutto diffuso in tutto il mondo. Un fenomeno globale quello della violenza sessuale epidemica che qualcuno attribuisce alla globalizzazione.


Non molto tempo fa ci raccontavano dei prosperosi effetti della globalizzazione sulle economie dei paesi emergenti come l'India, la Cina, il Brasile, poi è arrivata la crisi e quei racconti si sono dissolti nei fumi dello smog mortale che ricopre Nuova Delhi e Pechino

In mezzo a quel fumo, in quella nebbia che uccide, bambini, donne, anziani, ogni giorno vengono brutalmente stuprati e assassinati.

Ciò che lascia interdetti è il livello di crudeltà  che caratterizza il fenomeno, specialmente in India, una nazione fondata sul principio della non-violenza.

L'atto già molto traumatico dello stupro è ora accompagnato dalle torture,  con il corpo della donna  o del bambino che diventa uno strumento per infliggere dolore della peggior specie come gratificazione sessuale.

Rape in India: A New Brutality 6 giugno 2016

Rape in India: A New Brutality 2 17 luglio 2016 


"Lo stupro è diventato una parte della nostra cultura e la nostra società lo ha accettato".



"Niente è cambiato... La notizia di una donna violentata non scandalizza più nessuno...

Le persone che violentano le donne sono i prodotti della nostra società. Sono tra noi sono parte di noi. Solo se cambieremo i nostri atteggiamenti riusciremo ad influenzare la mentalità malata di queste persone che pensano di poter giocare con la dignità di una donna".

"Più donne oggi denunciano reati sessuali è cresciuta la consapevolezza tra il pubblico. Le donne vogliono denunciare tali crimini ora. Ma i crimini non diminuiscono, anche dopo il caso di mia figlia ci sono stati altri brutali incidenti". 



Dal 2012, gli stupri sono aumentati e si sono fatti sempre più brutali, non risparmiano neanche i bambini nella più tenera età, né la legge è cambiata, in generale.

La polizia di Delhi ha lanciato una serie di iniziative, come l'introduzione mezzi pubblici solo per donne, corsi di autodifesa, numeri di aiuto per le donne, ma nessuno di questi ha portato ad una diminuzione del numero di casi di stupro.

La mancanza di un'azione rapida e seria contro gli autori di questi crimini indubbiamente contribuisce alla crescita del numero di casi di violenza sessuale sottraendo legittimità algoverno, locale e centrale.



A causa della limitata azione spesso tardiva e alle numerose lacune del sistema giuridico, oltre alla diffusa corruzione, un autore atroce come il giovane condannato nel caso Jothi Sing era in grado di girare liberamente a dicembre del 2015.

Only 12% of those charged with raping children convicted in Delhi

E' un fatto che le leggi esistenti in materia di stupro, Italia inclusa, siano del tutto inadeguate ad arginare un fenomeno 

Un sondaggio sulle leggi di 73 paesi ha rilevato che
gli stupratori possono evitare la punizione se sposano la loro vittima in almeno nove giurisdizioni, tra cui il Bahrain, Iraq, Filippine, Tagikistan e Tunisia.

Lo stupro coniugale è consentito dalla legge in almeno 10 dei paesi studiati dal gruppo di Equality Now, tra cui il Ghana, Lesotho, Oman, Singapore e Sri Lanka.

In quattro di questi, lo stupro coniugale è anche consentito
quando la "moglie" è una bambina e il matrimonio illegale.

Secondo dati delle Nazioni Unite un terzo delle donne in tutto il mondo ha subito violenza sessuale o fisica, e una su 10 ragazze sono state violentate o aggredite sessualmente.


La ricerca di Equality Now evidenzia anche che le leggi consentono agli autori di violenze sessuali di sfuggire alla punizione.


In un recente caso in Somalia, un gruppo di ragazzi adolescenti che hanno pubblicato un video online di se stessi che violentano due ragazze ha cercato di evitare la prigione pagando per il loro crimine in cammelli.


Le leggi che permettono agli stupratori di farla franca non si limitano a negare la giustizia alle vittime, ma inviano il messaggio che lo stupro non è un reato grave e può essere contrattato.

"Si invia dal più alto livello della società il segnale che violare donne e ragazze non è poi così grave".

Così si alimenta la cultura dello stupro..

Rape laws are fueling global 'rape epidemic' 6 MARZO 2017

Stuprò bimba, ma il reato è prescritto. Procuratore Torino: "Mi scuso" 21 febbraio 2017
Bangladesh law allowing child brides may legitimise rape 2 marzo 2017

Singaporeans outraged over four-year jail sentence for American pedophile 9 marzo 2017


THE PORN FACTOR

Secondo un recente sondaggio del portale Pornhub, l'India è il quarto più grande consumatore di porno nel mondo.


"La proliferazione della pornografia in India è da capogiro. Oggi, gli uomini e le donne in ogni villaggio del paese possono accedere al porno con uno smartphone. Nella maggior parte dei casi clip porno vengono fatti circolare attraverso Whatsapp e altre piattaforme di messaggistica", dice l'attivista Madhureeta Anand.


"Ho parlato con un sacco di uomini e ragazzi della loro sessualità. La maggior parte hanno ammesso che il consumo di pornografia ha influenzato la loro idea del sesso. Alcuni hanno detto di aver pensato a violentare una donna dopo aver visto video di stupri".


I video di stupri reali, girati mentre il crimine è in corso, sono straordinariamente popolari in India, ma non solo. Si è creato un vero e proprio mercato clandestino. Questi video vengono smerciati tramite WhatsApp e sono disponibili per l'acquisto in tutto il paese.

  

Dr Sameer Malhotra, esperto di salute mentale e scienze comportamentali, ha detto: "La sessualità è spesso un argomento non discusso e che porta alla curiosità. Le persone possono facilmente essere affette da parafilia, una condizione caratterizzata da desideri sessuali anormali". Come quello di girare il video di uno stupro con protagonista se stesso.

In una società in gran parte dominata dagli uomini e patriarcale come l'India, la società tende a sopprimere le donne. Così, vedendo la tortura inflitta alle donne in questi video, le tendenze perverse tendono a salire in superficie, fino a ricavarne piacere sessuale,

I video degli stupri sono molto ricercati specie dai più giovani - secondo un sondaggio gli studenti di età compresa tra i 16 e i 21 anni guardano questi video ogni singolo giorno tanto da aver sviluppato una vera e propria porno-dipendenza, proprio come una droga.

"Non possiamo più negare il legame tra i giovani che guardano porno e video di stupri e la crescita esponenziale di stupri violenti e abusi in India", ha detto Abhishek Clifford, "stiamo crescendo una generazione di stupratori". "Come gli spot influenzano le nostre decisioni su quale prodotto acquistare, il porno, che introduce prematuramente i giovani a desideri sessuali e sensazioni, influenza le loro azioni.


Porn-Addicted Indians 3 marzo 2017




Kamlesh Vaswaniun avvocato attivista dello Stato del Madhya Pradesh, paladino della lotta contro la pornografia, per primo a parlare di "olocausto", ha presentato una petizione alla Corte Suprema dell'India chiedendo di agire contro gli "effetti nocivi" di contenuti espliciti. Tale richiesta è stata rifiutata dalla corte.

Dopo che la ONG Prajwala ha scritto al Presidente della Corte Suprema dell'India, sollecitando un'azione contro la disseminazione dei video di stuprila Corte Suprema ha chiesto lumi a Facebook, Google, Yahoo e Microsoft sui passi che possono essere adottati per limitare la pubblicazione e la diffusione di questi video sui social media.


A quanto pare, incredibilmente, non ci sono leggi specifiche che governano la creazione, la diffusione e la visualizzazione di video di stupro. Questo caso ha esposto una enorme lacuna nella legge che ancora nessuno ha pensato di colmare. Questi atti possono essere trattati secondo le leggi contro la pubblicazione e la diffusione di 'video contenenti atti sessuali espliciti', o 'osceni'. E cosa può esserci di più osceno?



La creazione dei video di uno stupro, ovvero la persona che fa le riprese, può essere incriminata per reati come favoreggiamento dello stupro sotto il codice penale indiano. Ma, una volta fatte le riprese e messo il video in circolazione, è considerato come un qualsiasi altro materiale pornografico, addirittura legale se non vi sono coinvolti minorenni e non è dimostrato che la vittima non fosse consenziente.



Questo è il regalo che ci ha consegnato la porno-globalizzazione, la libertà di poter assistere comodamente e ubiquamente a stupri come forma di porno-intrattenimento. 



La visione degli stupri di gruppo filmati e condivisi sui social sta alimentando una crescente domanda di tali video. Ecco spiegato l'aumento vorticoso degli stupri, per non parlare degki stupri di bambini, per quello c'è il dark web




Qualcuno ha suggerito che i siti di social media dovrebbero vigilare attentamente su ogni contenuto pubblicato, ma guai a parlare di censura.

E' stato chiesto alle aziende di usare "firewall" come quello utilizzato dal regime cinese per filtrare costantemente Internet.

Chiunque può caricare qualsiasi video che lui o lei desidera su piattaforme di social media, senza alcun timore. Se la Cina può evolvere questa tecnologia perché l'India non può?

Le compagnie hanno risposto che possono rimuovere un contenuto solo entro 48 o 72 ore dalla ricezione di qualche reclamo.

Google, nella sua risposta, ha detto alla corte che non è possibile perché videoclip di 400 ore vengono caricati ogni minuto.

"L'azienda avrebbe bisogno di più di cinque dipendenti aggiuntivi solo per la scansione dei contenuti di ogni video clip il che non è possibile. Se otteniamo qualche reclamo da un'agenzia nodale, allora si può intervenire". 

Le aziende hanno inoltre sostenuto che un meccanismo di "auto-blocco" - un suggerimento fatto in precedenza - colpirebbe anche altri materiali.



Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos 7 DICEMBRE 2016

India makes no arrests in connection with rape videos 17/12/2016

Rape videos drive victims to suicide in India 7 novembre 2016 

The WhatsApp suicide 29 October 2016


Rape Porn searches highest in India and US in 2016 12 DICEMBRE 2016

Proliferation of Rape Porn 24 MAGGIO 2015

Impact of Porn on Young British Asians Prem Solanki  January 19, 2016

Indian men lust for violent porn 10 OTTOBRE 2015

India: consequences of violent and teen porn 24 MARZO 2016

PORN INDIA 8 Ottobre 2015

Porn Block to Stop the Rapes 2 SETTEMBRE 2015

Porn Holocaust  5 AGOSTO 2015

The war against pornography in India 18 AGOSTO 2015

SHAME THE RAPIST 15 MAGGIO 2015


Three Youths Rape Minor, Film Video and Circulate on WhatsApp 5 marzo 2017


Woman drugged, raped in her own house for 9 days by 9 men 9 marzo 2017


Cyber Predators 8 marzo 2017



Sextortion gangs blackmail 30 teenagers a day 7 marzo 2017


SEXTORTION 29-year-old used app to lure, rape underage girls 28 febbraio 2017



TEEN RAPISTS 19 6 marzo 2017



Porn Addicted Rapists 36 4 marzo 2017


Porn Addicted Rapists 35 27 febbraio 2017


CHILD PORN ADDICTION 3 2 marzo 2017

"Out Of The Darkness" Struggling With Pornography Addiction 16 FEBBRAIO 2017

PORN GENERATION 13 febbraio 2017

20-year-old sentenced for recorded rapes of 6-year-old 1 marzo 2017


25-year-old paedophile, child rapist arrested 2 marzo 2017


Man Gets 3 Years For Trafficking Child Rape Videos 27 febbraio 2017


UK overwhelmed by online child abuse 1 marzo 2017


“Operation Hydrant“ 4,400 child abuse victims 1 marzo 2017


Chemical castration to stem the growing number of pedophiles 2 marzo 2017

US actor Ashton Kutcher urges the fight against child sex trafficking 17 FEBBRAIO 2017

"Operation Child Guardian" 16 FEBBRAIO 2017

Netizens call for action after child porn sites exposed 13 febbraio 2017

"Age of Consent" Tracking down online sexual predators 13 FEBBRAIO 2017



BABYLON SYSTEM 17 FEBBRAIO 2017


Ti piace?

Share This

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...